Il Comune di Ossi

Centro agricolo del Sassarese alla sinistra del Rio Mascari (affluente del Rio Mannu di Porto Torres), è ubicato su un costone tufaceo recentemente estesosi sull’altopiano. L’abitato conserva la parrocchiale di San Bartolomeo, la bella chiesa cinquecentesca di Santa Vittoria, la chiesa di Santa Croce ed il Palazzo Baronale, probabile residenza del feudatario locale, recentemente restaurato ed utilizzato per manifestazioni culturali e musicali.


Il Comune è impegnato, anche in funzione di un sfruttamento a fini turistici, nell’incremento delle dotazioni ricettive, nel ripristino delle proprie tradizioni e, soprattutto nel recupero e nella valorizzazione dell’imponente patrimonio archeologico del suo territorio. Alla periferia del paese si puņ ammirare il complesso nuragico di Sa mandra ‘e sa jua. Nel suo territorio sono particolarmente interessanti le necropoli di Noeddale (con la Tomba della casa, che riproduce l’interno di un’abitazione di epoca prenuragica), di S’Adde ‘e Asile (costituita da 11 ipogei, uno dei quali consta 21 vani) e di Mesu ‘e Montes (vasto complesso scavato in un rapido costone di grande impatto paesaggistico, comprendente una ventina di tombe del III° millennio a.C.).